Schede azienda
Blog

Lego abbandona l'rPET? Meglio così...

mercoledì 27 settembre 2023

L'annuncio dato nei giorni scorsi dal colosso danese dei mattoncini da costruzione, che ha abbandonato il progetto di utilizzare il PET riciclato dalle bottiglie al posto dell'ABS, è senz'altro una buona notizia per chi punta all'economia circolare degli imballaggi.

Dato che le bottiglie sono facilmente recuperabili mediante raccolta differenziata, eco-compattatori o schemi DRS, il loro riutilizzo in closed loop è semplice ed economico da realizzare, oltre che efficiente sotto il profilo ambientale. Togliere questi volumi dal circuito virtuoso bottle-to-bottle per immetterli nei giocattoli - e lo stesso vale per le fibre tessili -, comporta un downcycling del materiale, poiché ripassare dai mattoncini (no food grade) alle bottiglie (food grade) risulta più complesso e oneroso, oltre che poco circolare. Meglio puntare, in questo caso, su ABS circolare o biobased, sfruttando magari il riciclo chimico dei rifiuti plastici che fanno fatica a trovare una seconda vita e sono destinati a discarica o incenerimento.

Con l'introduzione dei nuovi target UE sul riciclo delle bottiglie, previsti dal nuovo regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggio, all'industria del beverage verrà chiesto un impegno in termini di circolarità, che dovrebbe essere 'ripagato' attraverso un sostegno, quanto meno per garantire l'idoneo approvvigionamento dell'rPET necessario per ottemperare agli obblighi di riciclo.

Posizione, questa, sostenuta dalle associazioni dell'industria europea delle bevande, che chiedono da tempo una sorta di protezione per il PET utilizzato negli imballaggi. Anche perché, in mancanza di volumi sufficienti di rPET, il prezzo è destinato a lievitare e il materiale ad essere inevitabilmente importato da aree del mondo dove il processo di riciclo è scarsamente verificato e quasi mai tracciato. Con effetti indesiderati su consumatori e ambiente.

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 58029
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Plast 2023: fu vera gloria?

Qualche riflessione sull'ultima edizione di Plast 2023

di: Carlo Latorre

avatar

Ebbene sì... Quest'anno sono 20

Polimerica ha pubblicato online il suo primo articolo il 29 aprile 2003. In vent'anni sono cambiate molte cose, ma non la voglia di raccontare cosa succede nel variegato, complesso, sfidante mondo delle materie plastiche e della gomma.

di: Carlo Latorre

avatar

Barbie vittima del plastic-free

Falso annuncio attributo a Mattel: abbandoniamo la plastica entro il 2030. Ma è una bufala, creata da un gruppo di attiviti per l'ambiente per richiamare l'attenzione su cambiamenti climatici.

di: Carlo Latorre

avatar

Quanta plastica nei programmi elettorali?

Poca attenzione al settore, nonostante il tema sia da mesi sotto i riflettori dei media. Solo Verdi e sinistra chiedono l'attivazione della plastic tax. Si parla più di raccolta e termovalorizzazione di rifiuti.

di: Carlo Latorre

avatar

Quanta confusione sulla Direttiva SUP

Bioplastiche sì o no? C'è un accordo tra il Governo italiano e la Commissione europea? dal 3 luglio non vedremo più stoviglie monouso in plastica sugli scaffali?

di: Carlo Latorre

avatar

Boicottare paga?

L'associazione dei trasformatori turchi di materie plastiche Pagev rivendica il successo della campagna "Stop Buying".

di: Carlo Latorre

avatar

Tra le 10 piaghe d'Egitto e i Blues Brothers

Uno dopo l'altro si stanno allineando i tasselli che rendono il domino del post-covid sempre più complesso da giocare.

di: Carlo Latorre