Blog

Le tante e diverse vite dell'imballaggio riutilizzabile

martedì 27 ottobre 2020

Gli imballaggi e i contenitori riutilizzabili sono il futuro un po' in tutti i settori perché apportano importanti vantaggi ambientali ma anche economici. Adottando modelli basati riuso, condivisione e noleggio dei beni le aziende possono acquisire nuovi flussi di entrate e instaurare relazioni potenzialmente molto più preziose, che vanno oltre alla singola vendita. 

Questo perché estendere la durata del ciclo di vita dei prodotti e aumentare il loro valore a fine vita significa incrementare il valore economico complessivo che si può trarre dai prodotti riducendo i costi e gli impatti ambientali riferito all'impiego di materie prime e alle fasi di produzione. Senza contare che con il progredire della crisi climatica gli investitori guardano sempre più ai rating ambientali, sociali e di governance (ESG) e ad altre misure che guidano gli investimenti nelle imprese.

E' altamente probabile che le imprese più sostenibili che hanno catene di fornitura resilienti attrarranno nel futuro sempre più investimenti e che la percezione che il pubblico avrà di queste aziende ne verrà favorevolmente influenzata.

Nonostante gli imballaggi riutilizzabili offrano un buon esempio di innovazione sistemica che può portare sia a ritorni finanziari immediati che a creazione di valore economico a lungo termine manca ancora nelle aziende e nei policy makers la comprensione del potenziale economico e di sostenibilità insito in questi modelli. Questo vale non solamente per gli imballaggi commerciali, un settore dove il riutilizzo è una pratica già consolidata anche se con un potenziale importante ancora da esprimere ma anche per l'imballaggio primario.

Cito qui solamente due esempi per dare un'idea del fermento a cui si assiste nell'ultimo anno nel campo dell'imballaggio riutilizzabile e ricaricabile ( refillable).

L'osservatorio sul packaging Innovation Zone di ThePackHub's registra un aumento del 68% nelle iniziative in questo settore. Nel webinair di presentazione del Report Refillable and Reusable Packaging Compendium 2020/21 (289 pagine) uscito recentemente viene indicato come il segmento da tenere d'occhio all'interno di tre segnalazioni:

1) La sostenibilità guida il cambiamento nel packaging

2) Il packaging sostenibile e l'innovazione in tal senso nata durante la pandemia non ci lascerà (is here to stay) 

3) Il mercato da tenere d'occhio è quello del reuse e refill

Il secondo esempio viene da DS Smith che ha lanciato dal regno Unito una nuova linea di imballaggi pensati per il riuso denominata "loop ready packaging".

Ma di questo ne racconterò prossimamente perché lo scopo di questo post era di ringraziare la CAPP PLAST e in particolare Filippo Baldi Direttore Marketing dell'azienda di Prato per avere donato i tre cassoni riutilizzabili che vedete in foto al canile ENPA di Torino.

Quando mi è stata segnalata la richiesta fatta dall'ENPA attraverso Facebook ho contattato Filippo, che conoscevo come  collegamento di Linkedin, chiedendogli se avessero qualche contenitore di fine serie o difettoso da donare al canile di Torino per contenere le coperte di scorta. Mi sono anche offerta di pagare il trasporto ma non c'è ne è stato bisogno perché CAPP PLAST ha inviato il tutto in porto franco e i cassoni sono già in uso, come si può vedere dalle immagini.

Ecco, questa è una delle diverse vite che un contenitore riutilizzabile può avere, dando una mano anche nel sociale, e in questo caso ai volontari che operano nel canile di torino.

 

di: silvia ricci
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 735
DALLO STESSO AUTORE
avatar

La plastica siamo noi, ovvero il nostro modello di consumo

La plastica siamo noi, che partecipiamo a vario titolo e con un diverso contributo e grado di responsabilità, a un modello ormai anacronistico basato sullo spreco di risorse a discapito delle generazioni future.

di: silvia ricci

avatar

Gli accordi volontari come i Plastic Pact funzionano?

Cresce il numeri di paesi e regioni che adottano un Plastic Pact per ridurre l’impatto della plastica sull’ambiente. Quali sono le caratteristiche e i risultati ottenuti ad oggi da questi accordi di natura volontaria ?

di: silvia ricci

avatar

Colpo di scena: Coca-Cola, Pepsi, Nestlé appoggiano un sistema di deposito europeo

Finalmente dopo decenni di dura opposizione ai sistemi di deposito per i contenitori di bevande le grandi multinazionale del beverage si schierano a favore di un’introduzione di sistemi di deposito per i contenitori di bevande in tutti gli stati membri.

di: silvia ricci

avatar

Olanda: in arrivo un sistema di deposito per le bottigliette di plastica

Entro il primo luglio 2021 anche le bottigliette di plastica saranno soggette ad un sistema di deposito e ad una cauzione di 15 cent. Ogni anno nei Paesi Bassi vengono vendute 1 miliardo di bottigliette di plastica di cui si stima finiscano nell’ambiente una quantità tra i 50 e 100 milioni di pezzi.

di: silvia ricci

avatar

Direttiva SUP : concreto il rischio di provocare una sostituzione di materiali

Reale il rischio che la Direttiva SUP provochi una sostituzione dei materiali invece che una riduzione del monouso e una transizione verso i sistemi di riuso e altri modelli circolari.

di: silvia ricci

avatar

Plastica: sostituirla è facile e comodo per tutti ma non basterà…

Sostituire la plastica con altri materiali senza eliminare o ridurre il consumo monouso rischia di spostare solamente gli impatti ambientali da una risorsa all’altra.

di: silvia ricci

avatar

Stoviglie e imballaggi compostabili: serve un bagno di realtà?

Continuano ad aumentare le iniziative plastic free che promuovono l'uso di stovigliame ed altri imballaggi compostabili che non sempre gli impianti di compostaggio sono attrezzati a gestire senza adattamenti operativi e costi addizionali. Il CIC interviene a seguito di una vicenda che ha coinvolto un gestore di impianti toscano che ha consigliato di conferire nell'indifferenziato i manufatti compostabili.

di: silvia ricci