Blog

Sì al riciclato per legge, ma…

mercoledì 31 ottobre 2018

Imporre quantità minime vincolanti nel contenuto di plastiche riciclate negli imballaggi, come vuole fare l’Unione europea attraverso la direttiva monouso, o il Governo britannico imponendo una tassa sui packaging che non contengono almeno il 30% di rigenerato, può sembrare una bella idea, ma richiede cautela nella sua applicazione.

Come fa notare il direttore della British Plastics Federation, Philip Law, il principio è lodevole e deve coinvolgere produttori, rivenditori, riciclatori fino ai consumatori. Ma bisogna porre cautela nel fissare per legge una soglia del 30% di materiale rigenerato negli imballaggi, se non si è acclarata prima l’esistenza di un’infrastruttura in grado di riciclare volumi sufficienti di plastica nel rispetto dei severi requisiti di igiene e sicurezza alimentare.

Anche perché la data di entrata in vigore, il 2022, è dietro l’angolo. Altrimenti - aggiungiamo noi - si tratta di una pura e semplice tassa sugli imballaggi in plastica, che graverà sulle tasche dei cittadini, oppure sposterà quote di mercato verso altri materiali, senza che a priori si possa affermare se ciò sia un bene o un male per l’ambiente.

Più realistica sembra, a questo proposito, la misura che Bruxelles vuole introdurre con la direttiva monouso, sia perché è circoscritta ai soli contenitori per bevande, più facili da recuperare in ciclo chiuso, sia perché il termine è il 2025, lasciando tempo di adeguare strutture di raccolta, riciclo e rigenerazione. Ciò è vero, però, per i soli paesi UE dove esistono già sistemi per la raccolta differenziata dei contenitori in plastica. In tutti gli altri, passare dallo smaltimento in discarica o termovalorizzatore direttamente al closed loop potrebbe non essere così facile.

Meglio sarebbe incentivare, con crediti di imposta e campagne di sensibilizzazione, i prodotti più virtuosi, lasciando al mercato il compito di guidare la transizione al packaging sostenibile.

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 3172
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Filastrocca plastic-free

Testo di Mimmo Mòllica

di: Carlo Latorre

avatar

Non solo plastic free, ci sono anche Comuni plastic sì

Il sindaco di Pontecurone: “La soluzione non è eliminare tutta la plastica ma usarla in modo consapevole, vogliamo essere un comune incivil free”.

di: Carlo Latorre

avatar

Il supermercato plastic-free c’era già 10 anni fa

Riprendiamo un video pubblicato qualche anno fa Elipso per mostrare l'importanza dell'imballaggio per l'igiene e la salubrità.

di: Carlo Latorre

avatar

Plastic free, ma con sacrificio...

La storia del cetriolo spagnolo insegna che per fare a meno della plastica bisogna saper rinunciare alla comodità di trovare tutto ciò che si desidera nel supermercato sotto casa.

di: Carlo Latorre

avatar

Plastic free: tra il dire e il fare...

Si può organizzare un maxievento 'plastic free' senza plastica? Sembra proprio di no...

di: Carlo Latorre

avatar

Senza recupero energetico il riciclo non va avanti

Alcune considerazioni a margine delle recenti polemiche sulla necessità di costruire impianti di termovalorizzazione nel nostro paese.

di: Carlo Latorre

avatar

Tempi duri per la plastica, senza eccezioni

Parlare male delle materie plastiche è diventato così naturale, che ci si vergogna quasi a dirne bene. Ma chi spera di trarne vantaggio, rischia di restare con nulla in mano.

di: Carlo Latorre