Blog

Tempi duri per la plastica, senza eccezioni

giovedì 21 giugno 2018

Ormai sparare sulla plastica è così scontato che nessuno se ne lamenta più, nemmeno i produttori o chi trasforma, distribuisce e recupera questo materiale dalle mille sfaccettature e dalle molteplici applicazioni. Rassegnati, gli operatori del settore aspettano solo che passi la buriana. Del resto, cosa si può dire di fronte al ventre aperto di un gabbiano, da cui spuntano tappi di plastica?

La cosa che trovo più strana è come il tema dell’inquinamento ambientale della plastica - che esiste, eccome, nessuno lo nega - sia diventato il problema numero uno del pianeta e ciò sia avvenuto in maniera virulenta e in un lasso molto breve di tempo, qualche anno o poco più, fino a diventare rubrica fissa sui quotidiani e in televisione.

Da un punto di vista mediatico - forse non sul fronte scientifico - i cambiamenti climatici, il buco nell’ozono o lo scioglimento dei ghiacciai con l’inevitabile sommersione di coste, città e litorali, che fino a qualche anno fa terrorizzavano milioni di cittadini, sono passati in secondo piano: semplicemente non se ne parla più o lo si fa in consessi di specialisti.

L’orso polare affamato alla deriva su un iceberg ha dovuto cedere il passo alla tartaruga impigliata nel sacchetto di plastica. Tant’è, le stesse immagini alla lunga logorano e la fame di click deve essere nutrita.

Uno spostamento di consenso così repentino può avere molte ragioni - internet e i social media c’entrano sicuramente qualcosa -, ma almeno conferma ciò che qualche addetto ai lavori sospetta da tempo: la tanto temuta lobby della plastica, dai mille tentacoli e la testa a Bruxelles, forse non esiste.

E chi oggi soffia sul fuoco sperando di portare casa quote di mercato dalle plastiche tradizionali, ricordi che gli incendi, quando infiammano le praterie, sono difficili da circoscrivere e da spegnere. Come dimostrano le misure varate dalla Commissione europea sugli articoli monouso in plastica…

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 2311
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Sì al riciclato per legge, ma…

Prima di imporre quantità minime di riciclato nella produzione di nuovi imballaggi bisognerebbe valutare se esistono infrastrutture adeguate per garantire igiene e sicurezza alimentare.

di: Carlo Latorre

avatar

Un po’ di orgoglio nazionale, suvvia

Comunicare nella nostra lingua, anche quando si lavora prevalentemente all’estero, è un segno di rispetto della propria identità nazionale.

di: Carlo Latorre

avatar

A.A.A. periti per Industria 4.0 cercasi

Le aziende hanno bisogno di enti accreditati e professionisti per redarre la perizia tecnica giurata necessaria per accedere ai benefici dell’iperammortamento.

di: Carlo Latorre

avatar

Robin Hood evocato contro lo shale gas

Friends of the Earth accusa Ineos di voler estrarre gas di scisto mediante fracking nella Foresta di Sherwood e lancia una campagna di mobilitazione.

di: Carlo Latorre

avatar

In Michigan è vietato vietare i sacchetti

Una legge promulgata dal Vice Governatore Brian Calley impedisce di imporre restrizioni su shopper, tazze, bottiglie e altri imballaggi in plastica.

di: Carlo Latorre

avatar

I vegani si ribellano alle sterline di plastica

Le banconote conterrebbero tracce di sego, grasso animale presente negli additivi utilizzati per agevolare il processo di estrusione.

di: Carlo Latorre

avatar

Polistirolo nei muri? non c’è nulla di male…

Perchè non è strano trovarlo tra le macerie delle case colpite dal sisma.

di: Carlo Latorre