Blog

A.A.A. periti per Industria 4.0 cercasi

martedì 10 gennaio 2017

Dal 1 gennaio scorso è possibile accedere all’iperammortamento del 250% per i beni strumentali in ottica Industria 4.0. Oltre ai requisiti tecnologici, riportati nell’Allegato A della legge di Bilancio, occorre anche attestare l’interconnessione o integrazione delle macchine con il sistema aziendale di gestione della produzione, aspetto ancora in parte da chiarire nei minuti dettagli.

Il pieno rispetto di tutti i requisiti deve essere messo nero su bianco: se l’investimento è inferiore o pari a 500mila euro, basta una dichiarazione del legale rappresentante dell’impresa; se il valore del bene è superiore, occorre invece una perizia tecnica giurata redatta da un ente accreditato o da un ingegnere o perito industriale iscritti all’albo.

In ogni caso, una valutazione di un perito esterno è consigliabile anche nel caso di investimenti inferiori a mezzo milione di euro, per evitare di incorrere in spiacevoli contenziosi in caso di verifica fiscale.

Oltre ai trasformatori di plastiche e gomma, anche i costruttori di macchine e impianti sono alla ricerca di periti in grado di supportare le aziende in questo delicato compito. Tanto che in redazione abbiamo già ricevuto un paio di telefonate di aziende interessate a mettersi in contatto con professionisti o enti accreditati in grado di redarre una perizia tecnica. Stiamo quindi raccogliendo, senza alcuna pretesa di creare un elenco esaustivo, nominativi da girare alle aziende che ci chiedono consiglio: segnalateci la vostra candidatura via email (redazione@polimerica.it) con due righe di liberatoria per consentirci di inviare i vostri riferimenti a chi fosse interessato a contattarvi.

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 6847
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Filastrocca plastic-free

Testo di Mimmo Mòllica

di: Carlo Latorre

avatar

Non solo plastic free, ci sono anche Comuni plastic sì

Il sindaco di Pontecurone: “La soluzione non è eliminare tutta la plastica ma usarla in modo consapevole, vogliamo essere un comune incivil free”.

di: Carlo Latorre

avatar

Il supermercato plastic-free c’era già 10 anni fa

Riprendiamo un video pubblicato qualche anno fa Elipso per mostrare l'importanza dell'imballaggio per l'igiene e la salubrità.

di: Carlo Latorre

avatar

Plastic free, ma con sacrificio...

La storia del cetriolo spagnolo insegna che per fare a meno della plastica bisogna saper rinunciare alla comodità di trovare tutto ciò che si desidera nel supermercato sotto casa.

di: Carlo Latorre

avatar

Plastic free: tra il dire e il fare...

Si può organizzare un maxievento 'plastic free' senza plastica? Sembra proprio di no...

di: Carlo Latorre

avatar

Senza recupero energetico il riciclo non va avanti

Alcune considerazioni a margine delle recenti polemiche sulla necessità di costruire impianti di termovalorizzazione nel nostro paese.

di: Carlo Latorre

avatar

Sì al riciclato per legge, ma…

Prima di imporre quantità minime di riciclato nella produzione di nuovi imballaggi bisognerebbe valutare se esistono infrastrutture adeguate per garantire igiene e sicurezza alimentare.

di: Carlo Latorre