Blog

A.A.A. periti per Industria 4.0 cercasi

martedì 10 gennaio 2017

Dal 1 gennaio scorso è possibile accedere all’iperammortamento del 250% per i beni strumentali in ottica Industria 4.0. Oltre ai requisiti tecnologici, riportati nell’Allegato A della legge di Bilancio, occorre anche attestare l’interconnessione o integrazione delle macchine con il sistema aziendale di gestione della produzione, aspetto ancora in parte da chiarire nei minuti dettagli.

Il pieno rispetto di tutti i requisiti deve essere messo nero su bianco: se l’investimento è inferiore o pari a 500mila euro, basta una dichiarazione del legale rappresentante dell’impresa; se il valore del bene è superiore, occorre invece una perizia tecnica giurata redatta da un ente accreditato o da un ingegnere o perito industriale iscritti all’albo.

In ogni caso, una valutazione di un perito esterno è consigliabile anche nel caso di investimenti inferiori a mezzo milione di euro, per evitare di incorrere in spiacevoli contenziosi in caso di verifica fiscale.

Oltre ai trasformatori di plastiche e gomma, anche i costruttori di macchine e impianti sono alla ricerca di periti in grado di supportare le aziende in questo delicato compito. Tanto che in redazione abbiamo già ricevuto un paio di telefonate di aziende interessate a mettersi in contatto con professionisti o enti accreditati in grado di redarre una perizia tecnica. Stiamo quindi raccogliendo, senza alcuna pretesa di creare un elenco esaustivo, nominativi da girare alle aziende che ci chiedono consiglio: segnalateci la vostra candidatura via email (redazione@polimerica.it) con due righe di liberatoria per consentirci di inviare i vostri riferimenti a chi fosse interessato a contattarvi.

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 6531
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Plastic free: tra il dire e il fare...

Si può organizzare un maxievento 'plastic free' senza plastica? Sembra proprio di no...

di: Carlo Latorre

avatar

Senza recupero energetico il riciclo non va avanti

Alcune considerazioni a margine delle recenti polemiche sulla necessità di costruire impianti di termovalorizzazione nel nostro paese.

di: Carlo Latorre

avatar

Sì al riciclato per legge, ma…

Prima di imporre quantità minime di riciclato nella produzione di nuovi imballaggi bisognerebbe valutare se esistono infrastrutture adeguate per garantire igiene e sicurezza alimentare.

di: Carlo Latorre

avatar

Tempi duri per la plastica, senza eccezioni

Parlare male delle materie plastiche è diventato così naturale, che ci si vergogna quasi a dirne bene. Ma chi spera di trarne vantaggio, rischia di restare con nulla in mano.

di: Carlo Latorre

avatar

Un po’ di orgoglio nazionale, suvvia

Comunicare nella nostra lingua, anche quando si lavora prevalentemente all’estero, è un segno di rispetto della propria identità nazionale.

di: Carlo Latorre

avatar

Robin Hood evocato contro lo shale gas

Friends of the Earth accusa Ineos di voler estrarre gas di scisto mediante fracking nella Foresta di Sherwood e lancia una campagna di mobilitazione.

di: Carlo Latorre

avatar

In Michigan è vietato vietare i sacchetti

Una legge promulgata dal Vice Governatore Brian Calley impedisce di imporre restrizioni su shopper, tazze, bottiglie e altri imballaggi in plastica.

di: Carlo Latorre