Blog

I vegani si ribellano alle sterline di plastica

giovedì 1 dicembre 2016

Sul tema ha dovuto prendere posizione anche la Banca d’Inghilterra, chiarendo che l’argomento viene preso dai vertici dell'Istituto molto seriamente. Non si tratta della Brexit o di uno scandalo finanziario, ma della rivolta dei vegani contro le nuove banconote in plastica da 5 sterline, introdotte a settembre in tutto il Regno Unito.

A fare arrabbiare i vegani - che rifiutano l’uso di prodotti animali e loro derivati - è la presenza nelle nuove banconote di tracce di sego, grasso animale presente negli additivi aggiunti in piccole quantità alle plastiche per agevolare i processi di estrusione film, come stabilizzanti, scivolanti, agenti antistatici e altri coadiuvanti di processo.

La rogna è stata prontamente girata ad Innovia, produttore dei substrati delle banconote, che si è già messo alla ricerca di una soluzione rispettosa anche per l’ala ultras dei vegetariani, che contro i nuovi tagli da 5 sterline è già riuscita a raccogliere oltre centomila firme.

La protesta rischia anche di diventare un caso religioso, dopo che indù, sikh e giainisti - i cui esponenti sono numerosi nel Regno Unito - hanno minacciato di vietare l’introduzione delle banconote “impure” nei templi.

di: Carlo Latorre
"Gli articoli in questa sezione non sono opera della redazione ma esprimono le opinioni degli autori"
Numero di letture: 3399
DALLO STESSO AUTORE
avatar

Plastic free: tra il dire e il fare...

Si può organizzare un maxievento 'plastic free' senza plastica? Sembra proprio di no...

di: Carlo Latorre

avatar

Senza recupero energetico il riciclo non va avanti

Alcune considerazioni a margine delle recenti polemiche sulla necessità di costruire impianti di termovalorizzazione nel nostro paese.

di: Carlo Latorre

avatar

Sì al riciclato per legge, ma…

Prima di imporre quantità minime di riciclato nella produzione di nuovi imballaggi bisognerebbe valutare se esistono infrastrutture adeguate per garantire igiene e sicurezza alimentare.

di: Carlo Latorre

avatar

Tempi duri per la plastica, senza eccezioni

Parlare male delle materie plastiche è diventato così naturale, che ci si vergogna quasi a dirne bene. Ma chi spera di trarne vantaggio, rischia di restare con nulla in mano.

di: Carlo Latorre

avatar

Un po’ di orgoglio nazionale, suvvia

Comunicare nella nostra lingua, anche quando si lavora prevalentemente all’estero, è un segno di rispetto della propria identità nazionale.

di: Carlo Latorre

avatar

A.A.A. periti per Industria 4.0 cercasi

Le aziende hanno bisogno di enti accreditati e professionisti per redarre la perizia tecnica giurata necessaria per accedere ai benefici dell’iperammortamento.

di: Carlo Latorre

avatar

Robin Hood evocato contro lo shale gas

Friends of the Earth accusa Ineos di voler estrarre gas di scisto mediante fracking nella Foresta di Sherwood e lancia una campagna di mobilitazione.

di: Carlo Latorre