In questa sezione: Ricerca e formazione
Contenuto sponsorizzato

I tre pilastri per ridurre la variabilità dei processi

Introduzione del Lean Plastic Center agli strumenti Failure Mode and Effect Analysis (FMEA), Fault Tree Analysis (FTA) e Statistical Process Control (SPC).

1 novembre 2018 06:55

lean plasticIn qualunque settore, specialmente in quello della trasformazione di materie plastiche e gomma, il malfunzionamento dei processi operativi e i guasti, sia di prodotto che si processo - intesi come un'anomalia che non permette al componente di svolgere correttamente la sua funzione e di conseguenza - porta delle ripercussioni più o meno gravi sul funzionamento del sistema di cui fa parte, fonte di problemi e preoccupazioni.

Per contrastare questa situazione di “crisi” interna vengono in aiuto tre principali pilastri:

  • Failure Mode and Effect Analysis, meglio nota come FMEA, metodologia impiegata per l’analisi di tutte le principali modalità di guasto o difetto di un processo-prodotto o sistema. Si tratta di un approccio sistematico all’analisi dei rischi di un prodotto o processo (nuovo o modificato) che correla gli indici relativi per adottare contromisure che riducano progressivamente l’indice globale di rischio del progetto. Si tratta di un’analisi preventiva per la stima del rischio con il fine di evitare la possibilità che si verifichino guasti/errori.
  • Fault Tree Analysis (FTA) o albero dei guasti: si differenzia dalla FMEA per la sua caratteristica di analisi deduttiva: parte infatti da un’analisi generale e complessiva della tipologia di guasto andando ad individuare i guasti sui singoli componenti. Al contrario, la FMEA parte dall’errore/guasto “finale” e ricostruisce a ritroso la catena di errori/guasti.
  • SPC, o Statistical Process Control, è una metodologia che si basa sull’applicazione di tecniche statistiche per comprendere ed analizzare le variabilità di un processo. Serve per identificarne il potenziale standard e le variabilità che sono da ritenere "normali", e quindi capire le possibili derive, il più possibile anticipandole grazie ad una attenta lettura dei trend. In questo modo è possibile tenere sotto controllo il processo grazie a controlli statistici a campione e grazie al monitoraggio dei parametri di base del processo produttivo.

Per approfondire l’argomento continua sulla pagina dedicata del Lean Plastic Center

Con il contributo di:
Lean Plastic Center
Viale Buonarroti, 10
28100, Novara (NO) - Italy
Tel: +39.0321.39 86 48
Mail: info@leanplastic.it
www.leanplastic.it

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 1028