Schede azienda
In questa sezione: Riciclo Bioplastiche Legislazione
Contenuto sponsorizzato

Tris vincente nel riciclo

Amut ha avviato in Australia il suo terzo impianto di riciclo in due anni mezzo, con piena soddisfazione del cliente. Dopo il PET è la volta delle poliolefine.

1 marzo 2024 00:52

amut impianto riciclo

Un successo, anzi tre, per il costruttore novarese di impianti di riciclo Amut, che in Australia ha recentemente messo in funzione una nuova linea per il recupero di rifiuti plastici post-consumo, la terza nel continente in meno di due anni e mezzo, per una capacità pari complessivamente a 60mila tonnellate annue.

Circular Plastics Australia (PET), joint-venture tra Pact Group, Cleanaway Waste Management, Asahi Beverages e Coca-Cola Europacific Partners (CCEP), ha scelto Amut come partner preferenziale per la progettazione e la costruzione delle linee Duet e Symphony nelle città di Albury e Melbourne. Sempre a sempre a Melbourne, il costruttore italiano era già stato selezionato dalla joint-venture tra Pact e Cleanaway, Circular Plastics Australia (PE), per il progetto Choir.

amut inaugurazione impianto ricicloQuesti impianti di selezione e lavaggio integrati, progettati su misura, permettono di introdurre le bottiglie post-consumo in un ciclo chiuso in cui vengono utilizzate, raccolte e riportate a nuova vita.
Mentre le linee Duet e Symphony sono dedicate alla selezione e al lavaggio delle bottiglie PET, l'impianto Choir è destinato al recupero di imballaggi in HDPE e polipropilene.

In funzione dal 2022, Duet era stata progettata per produrre 3.400 chilogrammi l'ora, ma dopo un anno di attività ha raggiunto una capacità pari a 4.000 kg/h, superando le aspettative del cliente; un risultato reso possibile grazie alla accurata progettazione e alle soluzioni altamente performanti proposte da Amut. Nel mese di dicembre era stato approvato dal cliente anche il progetto Choir.

amut impianto ricicloIl terzo intervento in Australia, Symphony, è nel suo genere il progetto più importante dello stato di Victoria. Grazie ad attrezzature all'avanguardia, è in grado di produrre fino a 20.000 tonnellate l'anno di resina PET riciclata. A regime, è in grado di trattare ogni anno l'equivalente di un miliardo di bottiglie di plastica per bevande in PET da 600 ml, trasformandole in granuli di grado alimentare, che vengono successivamente riutilizzati per produrre nuove bottiglie e imballaggi per alimenti in rPET. La linea è anche è in grado di gestire vaschette e vassoi in PET a bassa viscosità

amut impianto ricicloDopo l'accettazione da parte del cliente, l'impianto Symphony è stato inaugurato alla fine dell'anno scorso alla presenza del Ministro federale dell'Ambiente Tanya Plibersek e del Ministro dell'Ambiente dello stato del Vittoria, Steve Dimopoulos.

Le linee di lavaggio Amut sono dotate di soluzioni tecniche che garantiscono un'elevata purezza delle scaglie finali di PO/PET e, in particolare, la perfetta rimozione di contaminanti organici e inorganici e la separazione di etichette di PSA e colla. Questi sistemi di lavaggio altamente automatizzati garantiscono costi operativi estremamente bassi, con consumi ridotti di energia e acqua, oltre che di prodotti chimici. Un passo importante sulla rotta della circolarità, nella lotta al cambiamento climatico.

Con il contributo di:
AMUT
Via Cameri 16, 28100 Novara, Italy
Tel +39 0321 6641
info@amut.it
www.amut.it

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 2726