Daimler

Daimler scommette sul carbonio

25 gennaio 2011 - Alleanza con Toray per produrre in Germania componenti auto più leggeri.

Coppa olio in tecnopolimero

27 ottobre 2008 - Realizzata in poliammide caricata vetro, equipaggerà i nuovi motori diesel di Daimler. Per la prima volta nella storia delle quattro ruote, una coppa dell’olio realizzata con un tecnopolimero troverà applicazione su un auto di serie. Il progetto è frutto di uno sviluppo congiunto tra il gruppo chimico DuPont e Bruss, fornitore di componenti auto. Il componente, una coppa dell'olio da sei litri in Zytel 70G35 HSLR (una poliammide caricata con fibra di vetro e stabilizzata al calore) avvitata su un telaio in alluminio pressofuso, equipaggerà i i nuovi motori 4 cilindri diesel di Daimler, consentendo una riduzione del peso di 1,1 kg rispetto alle soluzioni in metallo. In particolare, la nuova coppa olio sarà utilizzata inizialmente nella serie Classe C di Mercedes-Benz. Oltre alla leggerezza, viene migliorata l'efficienza produttiva - spiegano alla DuPont - grazie all'elevata fluidità del polimero che riempe lo stampo con percorsi di flusso lunghi, tempi di iniezione brevi e ottima stampabilità di sezioni con pareti sottili. La saldabilità a vibrazione del materiale incrementa ulteriormente i vantaggi sotto il profilo della produttività. La sezione posteriore della coppa, che costituisce il serbatoio per circa 6 litri di olio, è molto rigida grazie alla sua sagoma. La sezione anteriore ha una forma più piatta, in quanto deve lasciare spazio al telaio e allo sterzo. Questa sezione ha quindi una resistenza alla flessione e una rigidità relativamente basse, richiedendo accorgimenti aggiuntivi per minimizzare distorsione e deformazione ed eliminare il rischio di fuoriuscite lungo la linea di giunzione con la metà superiore in alluminio. Il problema è stato risolto ideando una struttura a sandwich con un secondo pezzo stampato a iniezione: un deflettore per olio prodotto separatamente, saldato sulla parte piatta della coppa, che contribuisce a livellare l'olio, mosso dall'albero motore e dall'albero di equilibratura e rimanda il flusso nella coppa. La coppa e il deflettore, insieme ad altri accorgimenti progettuali, contribuiscono ad assicurare la stabilità in tutte le condizioni di funzionamento. Nella sezione che funge da serbatoio sono presenti inserti in ottone fissati a caldo per il montaggio del tappo di scarico dell'olio e del sensore livello olio. Le alte nervature nella sezione serbatoio agiscono da deflettori, contribuendo a ridurre la movimentazione dell'olio e a convogliarlo nel serbatoio.Grazie all'elevata fluidità del compound, è stato possibile utilizzare un unico punto di iniezione centrale, sufficiente per riempire tutta la cavità dello stampo, e impostare così cicli di stampaggio brevi. Rispetto all'iniezione multipunto (spesso necessaria per altri tipi di poliammide), il punto di iniezione unico abbatte il costo dello stampo e semplifica il controllo di processo, minimizzando il numero di linee di giunzione e il rischio di occlusioni d'aria. Presso il DuPont European Technical Centre di Ginevra sono state analizzate le proprietà della struttura simulando la caduta forzata del motore, completo di trasmissione, da un carrello elevatore. Prove effettuate da Bruss in situazioni reali, utilizzando prototipi dei componenti hanno, confermato la validità del design: anche dopo 1.000 ore di invecchiamento in olio caldo a 150 °C, la coppa resiste a queste condizioni di prova estreme senza subire danni significativi. L'uso dei polimeri termoplastici per le coppe dell'olio offre interesanti opportunità di integrazione funzionale. Il modello attuale incorpora il deflettore, che ha la funzione di rallentare il flusso dell'olio e riconvogliarlo nel serbatoio. Altri elementi che si prevede potranno essere integrati in modelli futuri sono il pescante dell'olio, il sensore di livello, il filtro ed altri componenti del circuito di ritorno, incluse le pompe.

Smart rilancia il polipropilene

26 ottobre 2007 - Sulla Smart fortwo i pannelli della scocca sono oggi realizzati con TPO  Borealis. Sono in polipropilene tutti i pannelli della scocca dell'ultima versione della Smart fortwo, la popolare utilitaria del gruppo DaimlerChrysler. A fornire il materiale è Borealis, che per questa applicazione ha sviluppato il compound Daplen ED230HP, un PP modificato con EPDM e caricato al 20% con minerale, colorato in massa, che prende il posto della lega PC/PBT utilizzata in precedenza. Grazie alla pigmentazione in massa, le fasi di finitura post-assemblaggio si riducono all'applicazione di un unico strato di rivestimento protettivo trasparente. Secondo Borealis, questa soluzione consente di ottenere una finitura più omogenea e liscia della vernice. Il peso dell'intero veicolo, con l'adozione delle resine Borealis,  risulterebbe inferiore del 15%. Per garantire passaggio soft al nuovo materiale, Borealis ha lavorato a stretto contatto con Smart e Plastal (OEM per i pannelli carrozzeria) fornendo il necessario supporto nelle fasi di messa a punto del materiale, progettazione e simulazione. “L'approccio rivoluzionario di Smart nell'utilizzo di PP per tutti i pannelli della scocca nella fortwo costituisce un importante passo in avanti per il settore automobilistico e i suoi fornitori - commenta Paul Turner, Vice Presidente delle divisioni auto e elettrodomestici di Borealis - Daplen ED230HP ha aiutato Smart a snellire il suo processo di produzione aumentando contemporaneamente le prestazioni a livello ambientale, estetico e di sicurezza del suo veicolo. Non vediamo l'ora di assistere al decollo di questa soluzione avanzata all'interno del settore". In occasione del K'2007, Borealis ha annunciato anche un altro sviluppo nel settore dei trasporti: per la prima volta, gli elementi strutturali dei paraurti e dei pannelli frontali di camion vengono prodotti mediante stampaggio ad iniezione utilizzando Nepol GB303HP, un polipropilene rinforzato con fibra di vetro lunga. Anche in questo caso, il progetto è stato portato avanti in collaborazione con Plastal, che fornisce i componenti a Iveco, società del gruppo Fiat specializzata nella costruzione di veicoli industriali. Lo stampaggio ad iniezione di una resina termoplastica, rispetto all'utilizzo di poliesteri insaturi caricati vetro, ha consentito di ridurre le fasi del processo e gli scarti, tagliando i tempi di ciclo.

IN PRIMA PAGINA

BOPE o BOPP con lo stesso impianto

19 luglio 2019 - Brückner presenterà al K2019 una linea in grado di produrre indifferentemente film in polietilene o polipropilene biorientato. Anche con coater in linea.

Valutazione della riciclabilità di contenitori HDPE

19 luglio 2019 - Dopo i film, RecyClass rilascia il protocollo per la valutazione della riciclabilità dei contenitori rigidi in polietilene.

Dalla scarpa alla ruota, novità al K2019

19 luglio 2019 - DSM presenterà a Düsseldorf alcune innovazioni con i suoi materiali e una nuova famiglia di poliammidi ottenute dal riciclo di reti da pesca.

Plastica circolare protagonista a Ecomondo

19 luglio 2019 - Annunciato il calendario di eventi che affronteranno il tema della sostenibilità delle materie plastiche.

Nordmann vende in Europa i TPE-C di Kolon

19 luglio 2019 - Il gruppo coreano ha affidato a distributore amburghese la commercializzazione degli elastomeri termoplastici a base copoliestere Kopel.

Bioplastiche da zuccheri premiate da ENI

19 luglio 2019 - Lo statunitense James A. Dumesic si è aggiudicato uno dei tre Eni Award nella categoria Transizione Energetica.

IN BREVE

Joint-venture in India per Renolit

19 luglio 2019 - L’obiettivo è produrre nel paese asiatico geomembrane per edilizia civile e infrastrutture a partire dal 2021.

Nuovi ruoli in FKuR Kunststoff

18 luglio 2019 - Il produttore tedesco di bioplastiche ha riallineato il management nelle vendite, marketing e comunicazione.

Webinar gratuito sull’officina stampi

16 luglio 2019 - Efficientare e riorganizzare l’officina stampi con l’approccio Lean Plastic: se ne paria il 22 e il 23 luglio con due seminari online.

Nuovo direttore all’Istituto Italiano Imballaggio

15 luglio 2019 - Francesco Legrenzi rileva Marco Sachet alla direzione del centro di formazione e informazione sul mondo del packaging.

BLOG

avatar

9 luglio 2019 - Si può organizzare un maxievento 'plastic free' senza plastica? Sembra proprio di no...

avatar

19 giugno 2019 - Molti esultano per la direttiva europea che bandisce la plastica monouso. Ma le campagne plastic-free di alcune amministrazioni e le operazioni di marketing che...

avatar

16 novembre 2018 - Alcune considerazioni a margine delle recenti polemiche sulla necessità di costruire impianti di termovalorizzazione nel nostro paese.

avatar

La digitalizzazione è arrivata!

di: Stefano Chiaramondia

3 novembre 2018 - Quale "digitalizzazione" per le imprese del mondo della plastica? I vari aspetti della "smart industry".

avatar

31 ottobre 2018 - Prima di imporre quantità minime di riciclato nella produzione di nuovi imballaggi bisognerebbe valutare se esistono infrastrutture adeguate per garantire igien...

EVENTI

online, 22-23 luglio 2019

Webinar gratuito sull’officina stampi

Efficientare e riorganizzare l’officina stampi con l’approccio Lean Plastic: se ne paria il 22 e il 23 luglio con due seminari online.

Berlino, 3-4 dicembre 2019

Call for papers per l'European Bioplastics Conference

Entro il 31 luglio si possono sottoporre proposte di intervento in vista della conferenza sulle bioplastiche di dicembre.

Stoccarda, 10-12 settembre 2019

Composites Europe con Foam Expo Europe

Siglato accordo tra gli organizzatori per tenere, a partire dall’anno prossimo, le due fiere in contemporanea a Stoccarda.

Bologna, 17 settembre 2019

A Bologna convegno internazionale sui tubi in PVC

Lo organizza l’associazione europea PVC4Pipes. Appuntamento il 17 settembre per il primo evento dedicato al mondo industriale.

Shanghai, 23-26 ottobre 2019

Fiera in Cina sul packaging per e-commerce

La manifestazione organizzata da Fiera Milano attraverso la joint-venture Hannover Milano Fairs Shanghai con Deutsche Messe.