In questa sezione: Riciclo Bioplastiche Legislazione
Contenuto sponsorizzato

PlasticFinder: Digital & Circular

La piattaforma online per la compravendita di plastiche offre agli operatori del settore tecnologie e servizi abilitanti per l’economia circolare e per la digitalizzazione.

8 luglio 2021 14:48

Proviamo a soffermarci sulle definizioni condivise di “riciclato” e di “circolare”, in quanto spesso si fa confusione. “Riciclaggio” è “qualsiasi operazione di recupero attraverso cui i rifiuti sono trattati per ottenere prodotti, materiali o sostanze da utilizzare per la loro funzione originaria o per altri fini” (cfr. art. 183 c.1 lett. u) dlgs 152/2006). Per una definizione il più possibile centrata di “circolarità”, invece, prendiamo il concetto emerso nel rapporto “Towards the circular economy” di Ellen MacArthur Foundation (McKinsey, 2013): qui la sfida è passare dal lineare “take-make-dispose” al circolare “reduce-reuse recycle”.

Appare evidente che il concetto di circolarità è molto più ampio del mero riciclo: “A circular economy is an industrial system that is restorative or regenerative by intention and design (see Figure 6…). It replaces the ‘end-of-life’ concept with restoration, shifts towards the use of renewable energy, eliminates the use of toxic chemicals, which impair reuse, and aims for the elimination of waste through the superior design of materials, products, systems, and, within this, business models” (Rapporto McKinsey sopracitato, pagg. 7 e 24).

plastic idner schema rciclo

RICICLO E CIRCOLARITÁ. La figura riportata sopra chiarisce la differenza: non è solo il “riciclo” ad essere “circolare”: lo sono anche il “riuso” dei sottoprodotti di lavorazione (il cosiddetto “post-industriale”) e la “riduzione” di nuova necessità di prodotti vergini grazie, ad esempio, alla reimmissione in circolo lotti di materie plastiche slow moving destinate all’invecchiamento e al conseguente smaltimento per mancato utilizzo.
“Questi sono esattamente i concetti base su cui si fonda la mission della nostra piattaforma - spiega Stefano Chiaramondia, co-fondatore e presidente di PlasticFinder- e che sono alla base del nostro approccio alla circolarità. L’obiettivo è coniugare Digitale e Circolare”.
Facendo interagire persone e tecnologie, si possono infatti reinventare gli attuali processi di business e automatizzarne altri utilizzando tecnologie emergenti (tecnologie mobili, data analysis, Artificial Intelligence), con l’obiettivo cruciale del perseguimento della sinergia tra digitale e sostenibilità.

cccp logoLa piattaforma PlasticFinder (www.plasticfinder.it) è in grado di tracciare in modo univoco i singoli lotti di prodotti transati. Certificato da CSI Cert come primo "distributore di materie prime plastiche riciclate” per quanto concerne materie prime secondarie, sottoprodotti e plastica da sottoprodotti (certificazione numero #001), il marketplace offre agli utenti la certezza che ogni prodotto acquistato (o venduto) sul portale rispetti i requisiti dello standard UNI10667-1 sul riciclo e recupero dei rifiuti di plastica e sottoprodotti di materie plastiche, nell’ottica di garantire trasparenza e tracciabilità ad ogni livello della filiera, dal riciclatore al produttore di compound in plastica rigenerata.

CERTIFIED CIRCULAR PLASTIC. Certified Circular Plastic è un marchio registrato da PlasticFinder nell’Unione Europea, che incorpora un software abilitante e una soluzione di supply chain dedicati alla plastica e all'economia circolare, identificandone i prodotti conformi ai principi reuse-reduce-recycle.
Questo approccio si rivolge non solo ai materiali riciclati da post-consumo (materie prime seconde), ma anche ai sottoprodotti industriali e ai materiali in eccesso a magazzino ('slow moving products'): grazie ad un software proprietario, ogni materiale scambiato nel circuito ottiene un Codice Identificativo Unico che descrive l'intero processo di scambio.
ccp certificatoMarchio e Codice Identificativo garantiscono la conformità del materiale plastico all'approccio dell'economia circolare e agli standard UE (secondo la Norma UNI10667), la tracciabilità dell'intero ciclo di vita dei materiali, il rilascio di un Certificato di vantaggio ambientale che riporta i valori di LCA per ogni scambio sulla piattaforma.
Certified Circular Plastic consente di tracciare in modo univoco i singoli lotti di prodotti oggetto di transazione. Ciò rende quindi davvero a portata di mano il connubio perfetto tra digitalizzazione ed economia circolare, ovvero tra innovazione e rispetto per l’ambiente.

“E’ sacrosanto che ad oggi trovino valore e riconoscimento tutti quei processi e prodotti che consentono di ridurre l’impiego di materie prime vergini - conclude Riccardo Parrini, CEO di PlasticFinder- e questo concetto quindi deve valorizzare tutti i processi atti al recupero di materiali che hanno concluso la valenza in un ciclo produttivo (ma trovano altrettanta valenza in un ciclo produttivo successivo, Recycle), ma anche di materiali che sono stati “scartati” o non riescono ad andare a concludere il primo ciclo produttivo e che grazie al supporto di una piattaforma “circolare” possono essere “reimmessi” nel flusso (Reuse e Reduce)”.

Con il contributo di:
PlasticFinder
Via F. de Sanctis, 74 - 20141 Milano
www.plasticfinder.it
Tel +39 02 21118692
sales@plasticfinder.it

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 4585