In questa sezione: Economia Uomini e Aziende Leggi e norme Lavoro
Contenuto sponsorizzato

Covid-19 affonda l’auto europea

Il lockdown esteso a quasi tutti i paesi europei ha provocato a marzo un dimezzamento delle immatricolazioni. In Italia crollo del -85%.

17 aprile 2020 11:12

acea immatricolazioni ue Come prevedibile, il mercato europeo dell’auto sta subendo l’effetto del lockdown conseguente all'epidemia coronavirus e nel mese di marzo ha visto crollare le immatricolazioni del -55% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Le misure prese dai governi per contrastare il contagio, nella seconda metà del mese ha portato alla chiusura dei concessionari, nella maggior parte dei mercati europei, con l’effetto di far calare le immatricolazioni dalle 1.264.569 di marzo 2019 a sole 567.308 unità.

A guidare la classifica negativa è l’Italia, con una flessione del -85% (leggi articolo), ma la crisi non ha risparmiato gli altri big: le immatricolazioni in Francia sono scese del -72,2% e in Spagna del -69,3%, in funzione della data di chiusura delle attività. É andato leggermente meglio il mercato tedesco, con un calo limitato al -37,7%, così come le immatricolazioni nel Regno Unito (-44,4%).

Nei primi tre mesi del 2020, complice il risultato disastroso di marzo, le immatricolazioni in Europa sono scese del -25,6%, con andamenti diversi - ma tutti negativi - nei principali paesi:  Italia (-35,5%), Francia (-34,1%), Spagna (-31%) e Germania (-20,3).

© Polimerica -  Riproduzione riservata
Numero di letture: 1954