In questa sezione: Poliolefine PVC PS ABS SAN EPS PET Poliammidi Tecnopolimeri Gomme Compositi Bioplastiche Altre specialità Prezzi
Contenuto sponsorizzato

Marfran 2K: TPE per sovrastampaggio soft-touch

I nuovi compound sviluppati da Francesco Franceschetti Elastomeri vantano eccellente adesione su un’ampia varietà di substrati, dalle poliolefine ai tecnopolimeri.

1 settembre 2019 07:28

Marfran Francesco Franceschetti ElastomeriLe moderne tecnologie di trasformazione delle materie plastiche consentono di realizzare manufatti costituiti da due o più materiali diversi all’interno dello stesso ciclo produttivo.

Queste tecnologie, solitamente chiamate tecnologie 2K, prevedono l’uso di almeno due materiali con caratteristiche diverse che vengono trasformati assieme per realizzare un unico manufatto costituito in alcune zone da uno dei materiali e in altre dall’altro. Il caso più comune è quello di oggetti costituiti da una parte più rigida, che funge da struttura portante e da una parte morbida accoppiata con funzioni di tenuta/attrito.

Due materiali, se sono opportunamente selezionati, possono essere trasformati con tecnologie 2K come la bi-iniezione o la co-estrusione. In tal caso l’unione di questi due materiali avviene senza necessità di colle o assemblaggi di alcun tipo evitando costosi processi e rendendo la produzione più veloce.

Gli elastomeri termoplastici TPE si possono sovrastampare su tutti i tecnopolimeri in svariate applicazioni:

  • arredamento: sedie, tavoli, componenti di design, punti luce, finestre, docce, lastre, ruote;
  • strumentazione meccanica e utensili: impugnature soft touch, con elevato grip e antiscivolo, raccordi, isolamento elettrico;
  • automotive: parti paraurti, tuning, alettoni, paraspruzzi, componentistica, interni auto a bassa emissione di VOC, cavi;
  • sport e tempo libero: manopole e hobbistica.

Marfran Francesco Franceschetti ElastomeriFrancesco Franceschetti Elastomeri ha messo a punto la nuova serie MARFRAN 2K con una eccellente adesione su un’ampia varietà di substrati dalle poliolefine, come polipropilene e polietilene, ai tecnopolimeri come PC, PMMA, PS, ABS, SAN, PA6 + 66, PET, e altri.

Per valutare il grado di adesione tra i due materiali, il compoundatore bresciano ha seguito lo standard VDI 2019. Questa procedura prevede lo stampaggio di un provino su pressa a bi-iniezione, che viene trazionato per effettuare le misure di peeling, ovvero la forza necessaria per distaccare i due materiali. La forza di peeling è calcolata come rapporto tra la forza di distacco in Newton e la larghezza del campione in millimetri. Ciò consente di fornire al cliente dati scientifici su cui basare l’adesione dei materiali.

La società sarà presente alla fiera K 2019 di Düsseldorf (Hall 5, D 17 ) dal 16 al 23 ottobre 2019 per fornire maggiori informazioni su questi e altri materiali in portafoglio.

Con il contributo di:
Francesco Franceschetti Elastomeri
via G. Pastore, 33/35 - Nigoline - 25040 Corte Franca (BS)
Tel. +39 030 98.60.511 - fax. +39 030 98.42.44
info@f-franceschetti.it
www.f-franceschetti.it

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 744