In questa sezione: Economia Uomini e Aziende Leggi e norme Lavoro
Contenuto sponsorizzato

PlasticFinder cresce in Italia e guarda all’estero

Il portale per la compravendita online di materie plastiche e additivi, prime scelte e slow moving, sbarca a Fakuma per aggredire il mercato europeo. E allarga la gamma dei servizi: oltre al modello Basic, anche Vendor e Seller.

5 ottobre 2018 11:33

Plastic FinderNato due anni fa come motore di reimmissione in circolo di prodotti “slow moving”, il portale PlasticFinder (www.plasticfinder.it) è diventato col tempo un completo marketplace anche per la compravendita online di prime scelte, resine e additivi, con l’obiettivo di trasformarsi in un canale aggiuntivo - e non sostitutivo - per la distribuzione di materie plastiche sul mercato italiano e, in prospettiva, anche su quello europeo.

AMAZON LIKE. Riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico e iscritta al Registro delle Start-Up Innovative, PlasticFinder si configura come un nuovo canale di vendita conveniente, semplice e sicuro per le aziende che vogliono affrontare il digital trading utilizzando una piattaforma “pronta, affidabile e molto visitata dagli utenti”, come spiega Stefano Chiaramondia, co-fondatore e Presidente di PlasticFinder. “Il nostro riferimento sono le piattaforme di e-commerce come Amazon: multiprodotto, accessibili 24 ore su 24, che oltre alla possibilità di acquistare on line offrono servizi fondamentali come la gestione logistica, per ricevere la merce direttamente in magazzino, e la garanzia dei pagamenti a tutela della correttezza della transazione”.

Plastic FinderUN NUOVO CANALE. PlasticFinder offre ai propri utenti la possibilità di trovare e comprare un prodotto senza seguire la modalità tradizionale di acquisto: “Distributori e produttori, a differenza di una piattaforma aperta, vendono solo i marchi in portafoglio - aggiunge Chiaramondia -. Non possono proporre prodotti della concorrenza e fuori catalogo, anche se più convenienti per i propri clienti”. PlasticFinder risponde quindi ad una esigenza che parte dal basso, così come lo era quella dei primi utenti di Amazon che volevano comprare un libro ma facevano fatica a trovarlo in libreria. Non meno importante, i prezzi sono visibili, trasparenti, mentre acquirenti e venditori possono mantenere l’anonimato fino al completamento della transazione, garantita attraverso un meccanismo di “escrow account", dove la piattaforma fa da garante sia per il venditore che per l’acquirente, autorizzando il pagamento solo al ricevimento della merce e all’accettazione da parte del ricevente.

Plastic finder mecspeORA GUARDA ALL'EUROPA. Dopo essersi consolidata sul mercato italiano, dove oggi conta oltre 900 utenti aziendali registrati, PlasticFinder si prepara a sbarcare in Europa. L’occasione per presentarsi ai potenziali clienti internazionali si concretizzerà a Fakuma, in programma Friedrichshafen (Germania) dal 16 al 20 ottobre, fiera specializzata nello stampaggio ad iniezione, dove l’azienda sarà presente con un proprio stand (Hall ÜO Booth ÜO-19): nel corner multimediale si potranno consultare on-line le migliori offerte disponibili, acquistare in tempo reale, o esprimere preferenze e bisogni d’acquisto, che i responsabili della piattaforma potranno verificare in diretta consultando l’ampio parco di fornitori attivi.
“I risultati economici, nonostante la giovane età del portale, sono incoraggianti - nota Chiaramondia -. Dopo aver chiuso l’esercizio 2017 con un fatturato intorno a 860mila euro e un sostanziale pareggio, a fine giugno 2018 il turnover era già salito a 1,25 milioni di euro e prevediamo di chiudere l’anno intorno a 2,5 milioni di euro, quindi con un incremento di quasi il 300% rispetto al 2017. Numeri ancora piccoli, ma con un tasso di crescita molto dinamico, caratteristico del mondo del commercio elettronico, in cui la struttura dei costi si muove in modo molto meno che proporzionale rispetto alla cifra d’affari realizzabile”.

Plastic FinderNOVITÁ IN CANTIERE. Oltre ai servizi di compravendita Basic, PlasticFinder sta testando in collaborazione con alcune importanti realtà internazionali sia il modello Vendor, agendo da trader nell'acquisto di grandi quantità di materia prima da rivendere a prezzi convenienti, sia il modello Seller, con il quale produttori e distributori possono aprire un loro negozio virtuale all’interno della piattaforma e vendere i propri prodotti in chiaro. “Il vantaggio per il venditore è di non avere nessun costo di realizzazione del portale, insieme alla possibilità di usufruire del posizionamento web di PlasticFinder, che si occupa anche della gestione elettronica dell’ordine”, sottolinea Chiaramondia.
“Stiamo anche pubblicando le prime pagine di PlasticFinder Wiki, una sorta di piccola enciclopedia online con informazioni tecniche e commerciali relative ai principali polimeri, realizzata in collaborazione con i nostri utenti”. Per ogni polimero vengono riportati formula, numero CAS e nome chimico, marchi commerciali con riferimento ai produttori e distributori, principali proprietà chimiche e fisiche, densità e temperatura di fusione, nonché mercati di applicazione e tecnologie di trasformazione.

Con il contributo di:
PlasticFinder
Via F. de Sanctis,74 - 20141 Milano
www.plasticfinder.it
Tel +39 02 21118692

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 704