In questa sezione: Poliolefine PVC PS ABS SAN EPS PET Poliammidi Tecnopolimeri Gomme Compositi Bioplastiche Altre specialità Prezzi
Contenuto sponsorizzato

Dagli slow-moving al marketplace globale

Il portale PlasticFinder apre al commercio elettronico di materie plastiche e additivi con vetrine dedicate a produttori e distributori.

28 maggio 2018 14:35

Plastic FinderNato due anni fa come motore di reimmissione in circolo di prodotti “slow moving” (un vero spreco di liquidità bloccata che si annida a tutti i livelli della filiera della plastica), il portale PlasticFinder (www.plasticfinder.it) si sta trasformando progressivamente in un completo marketplace anche per la compravendita online di prime scelte, con l’obiettivo di trasformarsi in un canale aggiuntivo - e non sostitutivo - per la distribuzione di resine e additivi sul mercato italiano e, in prospettiva, anche su quello europeo.
“Innovare oggi significa anche affrontare sfide che altri ritengono troppo ardite - afferma Stefano Chiaramondia, co-fondatore e Presidente di PlasticFinder -: se non si è disposti a ‘cannibalizzare’ il proprio mercato per creare nuovi modelli di business, lo farà la concorrenza”.

Plastic Finder beneficiBENVIC SBARCA SU PLASTICFINDER. A mettere piede ufficialmente su PlasticFinder per vendere una gamma prodotti rivolta all’e-commerce (denominata con la lettera E all’inizio del codice numerico del prodotto), offerta esclusivamente attraverso la piattaforma con un livello di servizio dedicato, è stato il 25 maggio scorso Benvic Europe, produttore leader in Europa di compound e leghe a base vinilica. “Essere in rete non basta - afferma la società francese con filiale e stabilimenti in Italia -: oggi è infatti cruciale trovare il proprio posto in prima fila proponendo strumenti di vendita e acquisto efficaci e concretamente fruibili, per continuare ad essere protagonisti di un settore in costante evoluzione e affermare così la notorietà del proprio brand in un’ottica realmente worldwide”.
Nel frattempo, PlasticFinder continua nel suo percorso di crescita, arrivando contare oltre 800 utenti registrati e più di 1000 prodotti diversi in pronta consegna “In quattro mesi è stato raggiunto l’intero fatturato del 2017 - afferma Riccardo Parrini, co-fondatore e CEO -. Risultato che si innesta in un trend, ormai irreversibile, verso la digitalizzazione del trading: la diffusione del commercio elettronico (e-commerce) nel mercato delle materie plastiche è infatti un argomento mai come ora all’ordine del giorno”.

PlasticFinder come funzionaNEGLI USA SORPASSO DEL B2C. In Nord America l’e-commerce B2B ha già superato quello B2C (da aziende a consumatori), e - secondo alcune previsioni - lo doppierà entro il 2020- “La tendenza appare inevitabile anche per il settore dei polimeri e additivi, man mano che buyer più giovani e abituati a muoversi nel mondo web si affacciano sul mercato”, aggiunge Chiaramondia.
Qualche segnale arriva da alcune multinazionali della plastica (Covestro, BASF, Evonik e Solvay per citare le principali), che nei primi mesi di quest’anno - come ha riportato anche Polimerica - hanno annunciato l’apertura di propri flagship store su Alibaba (più precisamente sul portale 1688.com) per affrontare in modo digitale il mercato cinese”.

E L’EUROPA? Nel vecchio continente questo processo sembra più lento, ma altrettanto inevitabile. A rallentare lo sviluppo dell’e-commerce è una rete capillare di distributori locali, con rapporti consolidati e personali con i clienti; aziende che possono comunque beneficiare delle potenzialità del web, quanto meno per evitare di essere soppiantati da operatori ‘pure digital’. “Una prima naturale evoluzione della distribuzione tradizionale è la creazione di un sito web proprio, in cui mettere in vetrina la gamma prodotti, per poi evolvere verso un portale di raccolta ed evasione ordini on-line dei propri clienti”, spiega Parrini.
“Il passo verso l’e-commerce comincia con la creazione di un vero e proprio negozio on-line, aperto a tutti e con prezzi pubblici, e continua con portali indipendenti su cui si raggruppano offerte di prodotti disponibili, che si configurano come ‘siti vetrina di annunci’ senza alcuna operatività di trading diretto ma con negoziazioni ancora di tipo tradizionale” , continua il CEO di PlasticFinder.
“Il vero commercio on-line, però, è costituito da markerplace indipendenti di vero trading ‘Amazon like’, in cui cioè si acquista con un click finalizzando l’intera compravendita: sono piattaforme orizzontali (cioè generaliste) come Amazon e Alibaba, e piattaforme verticali, cioè dedicate al mondo dei polimeri, come PlasticFinder”.

Ecco ad esempio tre prodotti offerti da Benvic Europe su PlasticFinder e acquistabili con un click:

Con il contributo di:
PlasticFinder
Via F. de Sanctis,74 - 20141 Milano
www.plasticfinder.it
Tel +39 02 21118692

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 1115