In questa sezione: Poliolefine PVC PS ABS SAN EPS PET Poliammidi Tecnopolimeri Gomme Compositi Bioplastiche Altre specialità Prezzi
Contenuto sponsorizzato

Finestre in PVC per il green building

Il contributo del serramento in PVC nel migliorare l’efficienza energetica degli edifici può essere valutato in termini analitici. E si rivela fondamentale…

5 novembre 2016 11:21

serramenti PVC2020, anno in cui dovrà essere palese l’opera di risanamento energetico in tutta Europa. Enti e normatori sono già in fermento e stanno predisponendo le basi per creare l’adeguamento degli edifici esistenti ai dettami dei regolamenti europei.
Dall’esame delle attività messe in atto in Italia a seguito degli incentivi fiscali per migliorare l’efficienza energetica degli edifici, è possibile constatare che la sostituzione dei serramenti esterni riveste uno dei più importanti interventi effettuati.

IMPORTANZA DELLA POSA. In quest’ottica la posa in opera è fondamentale per garantire che il serramento installato realizzi il miglioramento previsto per attuare gli obiettivi 2020. Ad oggi, però, nessun regolamento prevede una verifica/procedura certificata della posa ovvero una responsabilità, a parte le norme UNI emesse o in fase di emissioni che sono per definizione volontarie. Si dovranno attendere quindi le evoluzioni della legislazione nazionale ed europea.

PVC serramenti tabella 1

UN APPROCCIO ANALITICO. Per riprendere un tema caro al PVC Forum e per ipotizzare un possibile risparmio, viene proposto un approccio di calcolo del consumo di energia con differenti classi di serramenti esterni.
Vengono considerate 4 tipologie di serramenti definiti in base al valore di trasmittanza termica presentata con i seguenti parametri: dimensione unità standard WU (windows unit)  pari a 1.30x1.30=1,69 m2

Consumo di energia. La perdita di energia attraverso un serramento riferito ad una WU di 1,69 m2 è approssimata dalla relazione: Qwu = 84 • UW• AW kWh/anno.
Questa relazione tiene conto di zone con gradi giorno relativi alla fascia climatica media europea. Il fattore “84” può variare in funzione della latitudine: zone marine 50, zone alpine 110.
Nel caso si volesse esprimere l’energia consumata in altre unità di misura di utilizzo tradizionale, valgono le seguenti conversioni:
- 10 Kwh/anno = 1 litro petrolio
- 10 Kwh/anno = 1 m3 gas naturale
- 1 litro petrolio = 2,7 Kg CO2
- 1 m3 gas naturale = 1,1 Kg CO2
Possono essere calcolati i seguenti dati: (serramento pari a 1 WU=1.69 m2):

Tabella 2 serramenti PVC

Risparmio di energia. Devono essere stimati alcuni parametri utili per il calcolo del risparmio potenziale di energia in seguito all’ipotesi di sostituire i serramenti esistenti con altri di classe superiore:
- Popolazione Europa: 747.000.000 abitanti
- Numero tot. di WU Europa: 82 milioni di serramenti che dovranno essere sostituiti.

serramenti PVC tabella 31° caso: minimo risparmio
Sostituzione dei serramenti di classe C con quelli di classe B.
Calcolo riferito a 82 milioni di WU con una ripartizione media europea di fonti energetiche per riscaldamento pari a 2/3 petrolio e 1/3 gas naturale.
Il risparmio che si ottiene puà essere così calcolato:
gasolio + gas = 1.045 + 513 = 1.580 x 10 = 15.580 milioni di kWh/anno 2. 2,75 + 0,54 = 3,29 mega tonnellate di CO2

tabella 4 serramenti PVC2° caso: massimo risparmio
Sostituzione dei serramenti di classe D con quelli di classe A.
Calcolo riferito a 82 milioni di WU con una ripartizione media europea di fonti energetiche per riscaldamento pari a 2/3 petrolio e 1/3 gas naturale.
Risparmio:
1. gasolio + gas = 2640 + 1296 = 3960 x 10 = 39600 milioni di KWh/anno 2. 7,15 + 1,43 = 8,58 mega tonnellate di CO2
Il serramento combinato con il sistema oscurante ed avvolgibile a cassonetto crea una intercapedine d’aria che permette di ottenere i seguenti vantaggi di isolamento termico:
- Valore di U globale migliore del 25%;
- Valore di U globale per le ore notturne scende sotto il valore 1 W/m2K per serramenti di classe A senza costi eccessivi.

serramenti PVCCLASSE A. In virtù delle sue eccellenti proprietà isolanti, con trasmittanza termica che raggiunge tranquillamente valori di Uw = 1,0, il serramento in PVC rientra di diritto in classe A.
Il serramento in PVC potrebbe dunque essere classificato come “classe A” al pari degli elettrodomestici più performanti dal punto di vista energetico.
L’etichettatura energetica dei serramenti, già da tempo in discussione a livello europeo e italiano, consentirà di rendere palese all’utente finale la loro reale prestazione in termini di consumo di energia ed emissioni di CO2 in ambiente.
Raggiungere una classe elevata di certificazione energetica è possibile solamente utilizzando componenti che garantiscano performance elevate. Il serramento in PVC rappresenta il manufatto che ottimizza il rapporto più importante per una scelta sostenibile: elevate prestazioni a basso impatto ambientale.

SCUOLA DI LA POSA. E’ evidente che le prestazioni di tali tipi di serramenti dipendono anche dalla corretta installazione; a questo scopo il PVC Forum Italia ha appositamente aperto una scuola “di posa in opera” per qualificare gli installatori di serramenti in PVC e garantire i massimi risparmi possibili.
La posa in opera del serramento e dei relativi sistemi di oscuramento esterno rappresenta il punto di congiunzione più delicato fra due componenti quali finestra e muratura, molto diversi tra loro.
La risoluzione corretta del giunto fra i due elementi rappresenta la posa in opera a regola d’arte e crea la continuità prestazionale dell’elemento trasparente migliorando l’efficienza energetica di tutto l’edificio.

Con il contributo di:
Gruppo Serramenti e Avvolgibili di PVC Forum Italia.
Il Gruppo Serramenti e Avvolgibili è il primo storico gruppo di lavoro – denominato SIPVC – costituito all’interno del PVC Forum Italia, associazione che riunisce in Italia le principali aziende di produzione e trasformazione del PVC.
www.pvcforum.it
www.sipvc.org
info@pvcforum.it 
Tel. 02.33604020

© Polimerica -  Riproduzione riservata

Numero di letture: 3379